Ad Menu

domenica 28 febbraio 2010

CIN CIN

Appena tornati dal viaggio in Francia, la IV F, la III D e la III H. Parigi ci ha accolto con un tempo davvero invernale, ma si è espressa in tutta la sua grandeur, come al solito.
Come d’obbligo sulla Tour Eiffel e sulla collina di Montmartre, in giro per Place des Vosges o davanti all’Opéra, ci siamo piacevolmente incontrati con Monna Lisa e con le mummie dei faraoni nelle sale del Louvre.
Fiore all’occhiello del viaggio, veramente d’istruzione, la gita a Reims, con visita della fantastica cattedrale (più alta e grande di Notre Dame di Parigi) e, nel pomeriggio, la scoperta dei segreti della prestigiosa cantina di Pommery, una delle maisons più famose produttrici di Champagne.


 Siamo scesi a trenta metri sotto il suolo per visitare queste incredibili gallerie dove si conserva il prezioso vino, dedicate ognuna ad una città del mondo. Abbiamo nel contempo avuto la possibilità di “vedere e sentire” una mostra di arte contemporanea “sons et lumières” che era stata allestita lungo i corridoi e nelle sale sotterranee.

Gli alunni maggiorenni (la legge francese è molto severa in proposito) hanno avuto modo di degustare una flûte di un ottimo millesimato.
Niente male!

prof.ssa Antonella Viola

martedì 23 febbraio 2010

BIT Milano 2010

Dopo otto lunghe ore di pullman fra “pause bagno” e cori arriviamo finalmente al Grand Hotel Barone Di Sassj alla periferia di Milano.
Dopo una veloce assegnazione delle camere: tutti a cena. A tavola tante risate e qualche gaffe, visto che non siamo abituati a ricevere tante attenzioni! Di solito siamo noi a prodigarci per gli altri durante i pasti!
Non possiamo raccontare tutti i particolari del dopocena, ma per i dettagli … chiedere al prof. Bungaro.
La mattina di buon ora, tutti in divisa di ricevimento, siamo ripartiti con destinazione Fiera di Milano per visitare la BIT (Borsa Internazionale del Turismo), dove c’era molta più affluenza di visitatori di quella che ci saremmo aspettati.
I padiglioni erano organizzati secondo un ordine Nazionale, europeo e mondiale e la parte nazionale per regioni , ma anche con spazi dedicati a particolari attrazioni (ad es. Gardaland).
Sfortunatamente non abbiamo potuto trascorrere più tempo all’interno della fiera, ma le impressioni sono state positive e ...
“ ma ce potemo tornà pure l’anno prossimo professò???”
Flavia e Alessia 2D

giovedì 18 febbraio 2010

Chef per solidarietà

Il 14 febbraio, festa dell'amore , i ragazzi della IV E, Alessandra Fossetti, Dario Santagata, Federico Scrivo e l'ex alunno Alessandro Tiscione, del corso alberghiero, hanno donato il frutto della loro esperienza, tradotto in deliziose torte , alla chiesa S. Giovanni Battista de Rossi per la vendita di beneficenza in favore dei bambini dell'Hogar Sagrado Corazon, orfanotrofio boliviano.
Il ricavato della vendita sarà utilizzato per mantenimento, la cura e la formazione dei bambini e degli adolescenti in stato di abbandono e bisogno.

Molti gli apprezzamenti per i dolci realizzati.
Tutto venduto!!! I bambini ringraziano

Tutte le informazioni sul "Progetto Bolivia" sono disponibili alla pagina interna del sito della parrocchia S. Giovanni Battista de Rossi

prof.ssa Gabriella Cicu

martedì 16 febbraio 2010

Modernità nella tradizione

Il 10 febbraio alcune classi del nostro Istituto (IV e V F , V G e V D ) sono andate in visita allo stabilimento Brunelli (Aprilia) , famoso caseificio laziale che produce alcuni dei formaggi che più facilmente appaiono sulle nostre tavole (Settecolli, Vergaro, ecc).

Il vicepreside prof. Lucio Battistini, la prof.ssa Viola e l’esperto del settore prof. Giuliano Manzi hanno accompagnato i ragazzi in questa visita certamente incisiva per la preparazione di futuri professionisti del settore.
I ragazzi hanno seguito le fasi di lavorazione di vari formaggi, dai più freschi (ricotta) a quelli più stagionati, prodotti con latte proveniente soltanto da allevamenti ovini del territorio regionale, in ottemperanza alle norme più recenti e con macchinari e strutture modernissime, ma seguendo sempre i dettami della tradizione al fine di preservare quei sapori tipici che fanno la ricchezza della qualità dei prodotti alimentari made in Italy.
Seconda e conclusiva fase di questo percorso didattico sarà la visita alle grotte di tufo dove la ditta Brunelli fa stagionare il Pecorino Romano, altra perla della produzione laziale, grotte situate presso La Storta, sotto l’antica villa di Livia, moglie di Ottaviano Augusto.
Entrare in uno stabilimento del genere, architettonicamente curato, perfettamente funzionale e organizzato , constatare che esiste un punto d’incontro tra esigenze normativo - industriali e mantenimento, cura dei valori tradizionali per la conservazione di preziose specificità, è stato sicuramente un atto didattico importante per i nostri alunni che, grazie a queste iniziative, riescono ad essere sempre in contatto con la realtà del mondo del lavoro che orbita intorno al settore dell’ospitalità alberghiero-ristorativa.

prof.ssa Antonella Viola

venerdì 12 febbraio 2010

Facciamo una pausa....nevica!

Si può interrompere la lezione per guardare un po' fuori dalle finestre! Un paesaggio così capita veramente di rado ed è giusto goderselo!
Anche la ricreazione diventa veramente particolare!

Tutto è passato quasi troppo in fretta.....Ma una mattinata così sicuramente non si dimenticherà facilmente!

mercoledì 10 febbraio 2010

Oggi parliamo di.....FOIBE

Una lezione nel segno del ricordo oggi per la classe IV D coinvolta nelle attività del progetto memoria. I ragazzi hanno visto un video storico che ha ripercorso la storia dell'Istria e della Dalmazia dal 1943 al 1945, ha ricostruito sia l'esodo di 350000 italiani costretti ad abbandonare le loro terre, le case, il lavoro per scampare alla ferocia della rappresaglia titina sia il dramma degli infoibati, il cui numero ancora oggi è indicativo. Si sono confrontati con una pagina di storia troppo spesso poco conosciuta e taciuta che è comunque memoria di un passato che proprio attraverso i suoi aspetti più atroci e terribili diventa monito per il futuro.

mercoledì 3 febbraio 2010

Rosa Hanan, deportata ad Auschwitz, racconta la Shoah


Rosa Hanan ha vissuto l'inferno di Auschwitz, ha custodito nel cuore la memoria di quei terribili mesi che hanno segnato per sempre la sua vita. Oggi ha voluto accogliere l'invito ad incontrare un gruppo di studenti, molti dei quali già impegnati nel progetto memoria, per lasciare loro il compito di non dimenticare, di ricordare alle nuove generazioni cosa è stata la Shoah, cosa era l'universo concentrazionario. Con la forza che le viene dall'esperienza vissuta e la commozione che non può che riappropriarsi di un animo sensibile, Rosa ha ripercorso il suo passato, dai giorni felici a Rodi prima della guerra, ai primi anni di conflitto quando tutto sembrava ancora normale e sopportabile. Poi l'armistizio, l'arrivo dei tedeschi, la deportazione, il lungo viaggio in un vagone merci inconsapevole del futuro, la fame, la sete, i pianti dei bambini, l'arrivo alla "rampe", la selezione. "Un dito per indicare chi andava a morire subito e chi aveva ancora qualche speranza di vivere, a volte senza un criterio sceglievano chi dovesse andare a destra, chi a sinistra, tanti giovani forti ed abili al lavoro sono finiti subito nella camera a gas." Quindi la prigionia, il lavoro sfiancante, la ricerca di cibo, qualcosa in più da mangiare per non morire di stenti, sfidando anche la morte, di notte, per raggiungere la cucina dove una prigioniera ungherese passava di nascosto un po' di patate che si consumavano crude, con la buccia ancora sporca di terra.
Quando ormai la guerra stava finendo ed iniziò la ritirata dei tedeschi, i prigionieri furono trasferiti in campi in Germania; quattro ne passò Rosa, facendo ogni sorta di lavoro per salvarsi la vita. Alla fine, con coraggio, è riuscita a fuggire, a riconquistare la vita, la dignità, con nel cuore le immagini dell'inferno.
Oggi Rosa Hanan ha raccontato la sua storia, per la prima volta si è rivolta ad una platea di giovani che non hanno perso una sola parola. "Grazie per averci portato la Storia, grazie per essere qui" le hanno detto, le si sono stretti intorno in un abbraccio ideale, lei ha mostrato quel numero, tatuato sul braccio, marchio indelebile della più bieca e terribile follia concepita dal genere umano.

Turismo: la riforma è servita

Oggi 3/2/2010, sul Canale satellitare in chiaro Rai Scuola (806) e sul digitale terreste canale Rai Scuola alle 11:00 e in replica alle 15.00, alle 19.00, alle 22.00, alle 01.00, alle 03.00, alle 05.00 ed alle 07.00 la puntata di Fuoriclasse dedicata alla riforma degli istitituti alberghieri.

In studio alcuni docenti del nostro Istituto e tra i servizi mandati in onda,  interviste a studenti, docenti e al  Dirigente Scolastico.


martedì 2 febbraio 2010

Materie Esami di Stato 2010

INDIRIZZO: RR9R - TECNICO SER. RISTOR.(NUOVO ORD)
TITOLO DI STUDIO: DIPLOMA DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI SECONDO GRADO AD INDIRIZZO PROFESSIONALE,TECNICO DEI SERVIZI DELLA RISTORAZIONE

PRIMA PROVA SCRITTA AFFIDATA AL COMMISSARIO ESTERNO:
1) ITALIANO
MATERIA OGGETTO DELLA II PROVA SCRITTA AFFIDATA AL COMMISSARIO INTERNO: ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE RISTORATIVE
ALTRE MATERIE AFFIDATE AI COMMISSARI ESTERNI:
2) MATEMATICA
3) LEGISLAZIONE


INDIRIZZO: RR9Q - TECNICO SERV. TURIS.(NUOVO ORD.)
TITOLO DI STUDIO: DIPLOMA DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI SECONDO GRADO AD INDIRIZZO PROFESSIONALE,TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI

PRIMA PROVA SCRITTA AFFIDATA AL COMMISSARIO ESTERNO:
1) ITALIANO
MATERIA OGGETTO DELLA II PROVA SCRITTA AFFIDATA AL COMMISSARIO INTERNO: ECONOMIA E TECNICA DELL'AZIENDA TURISTICA
ALTRE MATERIE AFFIDATE AI COMMISSARI ESTERNI:
2) MATEMATICA
3) INGLESE