Ad Menu

lunedì 27 febbraio 2012

Sami Modiano incontra gli studenti: il valore della Memoria

Nell'Aula Magna gremita di studenti attenti e partecipi Sami Modiano, uno dei pochi testimoni sopravvissuti all' orrore di Auschwitz-Birkenau, ha ripercorso la Shoah raccontando la propria storia, dall'infanzia serena nell'isola di Rodi all'introduzione nel 1938 delle leggi razziali, dalla svolta dell'8 settembre 1943 alla deportazione, dall'arrivo a Birkenau all'orrore della selezione, dalla vita nel campo alla perdita di ogni speranza e dignità, fino al 27 gennaio 1945, quando nel freddissimo inverno polacco, ormai stremato, il destino ha voluto che vivesse e, unico della sua famiglia, ritornasse.

Da quasi dieci anni Sami ha deciso che la sua missione è raccontare, lo farà fino a quando ne avrà la forza, perché solo così può trasmettere alle giovani generazioni il valore della memoria affinché mai più si ripeta l'orrore della Shoah.

Nessun libro, nessun documentario, nessun film, nulla più della viva voce rotta dalla commozione di chi c'è stato può trasmettere il "non senso" di una delle più buie ed atroci pagine della storia dell'umanità.


L'abbraccio forte con gli alunni che si sono stretti intorno a Sami, come i nipoti fanno con i nonni, è stata la dimostrazione di quanto le parole siano entrate nei cuori, lasciando forse una traccia importante per la formazione e la crescita di una coscienza civile e morale.

Nessun commento:

Posta un commento