Ad Menu

sabato 23 aprile 2016

Accoglienza turistica: Primi d'Italia!


Dal 18 al 22 aprile si è svolto a Dronero, in provincia di Cuneo, il concorso nazionale degli Istituti Alberghieri. Le eccellenze provenienti da 39 istituti  di tutta Italia si sono misurate nei settori  Enogastronomia, Sala Bar e Accoglienza Turistica. La manifestazione, splendidamente organizzata dall'Istituto Donadio, ha visto gareggiare i migliori ragazzi selezionati dalle scuole per ognuna delle specializzazioni.

Un'esperienza unica per Maria Elena Trovalusci, Elisa Vergini e Leanne Pangilinan che, in rappresentanza dell'Istituto Gioberti, hanno condiviso 3 giornate di gara, divertimento ed esperienze con i loro colleghi.

L' importanza della competizione non ha impedito ai ragazzi di conoscersi, divertirsi e scoprire che quel che conta non é vincere ma imparare l'uno dall' altro.
La serata di gala presso il Filatoio di Caraglio è stata la cornice perfetta entro la quale Leanne Pangilinan della 4L Accoglienza Turistica, ha vinto il primo premio!



Leanne ha vinto anche grazie alla sua classe, che ha lavorato all'intero progetto, presentando un prodotto turistico per la valorizzazione della Valle Maira https://www.facebook.com/valmairagioia/?fref=ts.
Congratulazioni!!!

 Orgogliosi di voi, orgogliosi del Gioberti!



domenica 17 aprile 2016

Concorso "Basilicata a tavola": scuola prima classificata e migliore stand!

Si è svolta a Melfi la settima edizione del concorso nazionale ed internazionale "Basilicata a tavola".
Hanno partecipato alla manifestazione 25 istituti alberghieri provenienti da tutta Italia, impegnati in una tre giorni di altissimo livello che ha visto confrontarsi i ragazzi dei tre indirizzi (sala, accoglienza e cucina) impegnati nelle rispettive gare.
La valorizzazione della Basilicata e dei suoi prodotti ed itinerari da un lato e la presentazione delle zone di provenienza delle scuole attraverso l'allestimento di stand per le vie di Melfi sono stati i temi del concorso.
Le rappresentanze hanno sviluppato, partendo da un paniere predefinito, la loro proposta concorsuale per ogni settore presentata davanti a giurie di esperti di alto calibro.


Ruben Bondì, Stefano Tobia ed Adriano Altarocca, accompagnati dal prof. Alessandro Cavallo e dalla prof.ssa Sabina Cavina, si sono impegnati al massimo portando a casa un risultato fantastico: migliore scuola, migliore stand, terzo posto nella gara di cucina, secondo in quella di accoglienza.



Nei tre giorni di gara i ragazzi hanno espresso al meglio i loro talenti e la loro grande passione, confrontandosi con i coetanei di tutta Italia.
                                                                   Lo stand

                                                       I prodotti tipici laziali


Zuppa di pane di Matera con ceci neri di Tolve, baccalà, marroncino di Melfi e idea di camomilla accompagnato da Malvasia bianca.
                                                 percorso lucano tra fede e arte
                                                             la premiazione

Sicuramente è stata una bellissima esperienza che ha regalato grandi soddisfazioni a quanti stanno lavorando con costanza ed impegno per far crescere sempre più il nostro istituto ed i nostri ragazzi.
Per vedere le classifiche finali: http://gasparrinimelfi.it/iis/?page_id=4307

venerdì 15 aprile 2016

L' ultima corsa

                   


martedì 5 aprile 2016

La 4i racconta una mattinata dedicata alla degustazione di vini

Il 4 Febbraio  la nostra classe accompagnata dal professor Caruso (sala) e dal professor Finelli  ha partecipato ad una degustazione di vini guidata dal Maitre-Sommelier Adriano Bernardo dell'hotel IL CANTICO, situato a pochissimi passi dalla cupola di San Pietro. 

Abbiamo avuto anche la possibilità di visitare le principali aree dell' albergo.

La prima tappa del nostro percorso è stata la sala-ristorante che accoglie i clienti per pranzi, cene, incontri di lavoro e banchetti; è di medie dimensioni, è sviluppata su due sale comunicanti e può ospitare fino a 150 persone. La cucina a vista è altamente innovativa ed è anche una delle più grandi nella città di Roma. La realizzazione della pasta e del pane è effettuata artigianalmente dall' equipe del ristorante, sono presenti numerosi macchinari per la loro realizzazione come l'impastatrice, la sfogliatrice, l'essiccatore e la camera di lievitazione. Inoltre il pane viene fatto con il lievito madre di 140 anni circa, proveniente da un panettiere toscano.
Il servizio di lunch e dinner è aperto anche ai clienti esterni all'albergo.
L'hotel dispone di una sala conferenze in grado di ospitare circa 90 persone. E' dotata inoltre di
attrezzature all'avanguardia per audio e video, per rendere i meeting più confortevoli e moderni.
Successivamente ci siamo recati all’interno della sala dove il maitre dell’hotel ci ha guidati nella degustazione di due vini, prima della degustazione però ci ha introdotto alla storia e la natura del vino e della vite.
La vite è una pianta rampicante della specie Vitis Vinifera, l’unico ceppo utilizzato per la produzione del vino. I suoi nemici sono i nematodi e la filossera, due parassiti molto dannosi. Quest’ultima nel 1870  arriva in Italia, distruggendo così il 98% della vite europea.
Il maitre ci ha inoltre illustrato la differenza tra vitigni alloctoni che producono Merlot, Pinot noir, Chardonnay, Cabernet sauvign, ecc... e i vitigni autoctoni che producono Nebbiolo, Sagrantino, Gaglioppo. 
Attualmente l’Europa è il continente più ricco di vite con il 74%, segue poi l’America con il 17% ed infine l’Africa con 3,5% e l’Asia con il 2,4%.
Quando si parla di vino è importante parlare di muffe lieviti e batteri. I lieviti sono microorganismi unicellulari responsabili della fermentazione alcolica, le muffe sono dannose e dovute ad una cattiva conservazione della botte e i batteri lattici sono essenziali per lo svolgimento della fermentazione manolattica. Infine il maitre Adriano Bernardo ci ha anche spiegato la spumantizzazione.
Dopo la lezione teorica abbiamo cominciato la degustazione dei vini. Il primo è stato un vino bianco, Il Grechetto Colli Martani prodotto da uva Grechetto mentre il secondo è un vino rosso, Collezione Colli Martani Rosso, prodotto con uve Merlot, Sangiovese e altre uve autoctone umbre, entrambi provenienti dall' azienda Terre de la Custodi e con marchio DOC.
Per l'analisi sensoriali sono necessarie seguire la soggettività, la sequenza corretta e i metodi con i corrispettivi accorgimenti.
Il maitre ci ha guidato tramite delle schede per utilizzare la terminologia tecnica adatta.

Quest’esperienza è stata davvero interessante e coinvolgente e per questo ringraziamo di cuore il professor Caruso per averci permesso di partecipare.

La classe 4i