Ad Menu

martedì 5 aprile 2016

La 4i racconta una mattinata dedicata alla degustazione di vini

Il 4 Febbraio  la nostra classe accompagnata dal professor Caruso (sala) e dal professor Finelli  ha partecipato ad una degustazione di vini guidata dal Maitre-Sommelier Adriano Bernardo dell'hotel IL CANTICO, situato a pochissimi passi dalla cupola di San Pietro. 

Abbiamo avuto anche la possibilità di visitare le principali aree dell' albergo.

La prima tappa del nostro percorso è stata la sala-ristorante che accoglie i clienti per pranzi, cene, incontri di lavoro e banchetti; è di medie dimensioni, è sviluppata su due sale comunicanti e può ospitare fino a 150 persone. La cucina a vista è altamente innovativa ed è anche una delle più grandi nella città di Roma. La realizzazione della pasta e del pane è effettuata artigianalmente dall' equipe del ristorante, sono presenti numerosi macchinari per la loro realizzazione come l'impastatrice, la sfogliatrice, l'essiccatore e la camera di lievitazione. Inoltre il pane viene fatto con il lievito madre di 140 anni circa, proveniente da un panettiere toscano.
Il servizio di lunch e dinner è aperto anche ai clienti esterni all'albergo.
L'hotel dispone di una sala conferenze in grado di ospitare circa 90 persone. E' dotata inoltre di
attrezzature all'avanguardia per audio e video, per rendere i meeting più confortevoli e moderni.
Successivamente ci siamo recati all’interno della sala dove il maitre dell’hotel ci ha guidati nella degustazione di due vini, prima della degustazione però ci ha introdotto alla storia e la natura del vino e della vite.
La vite è una pianta rampicante della specie Vitis Vinifera, l’unico ceppo utilizzato per la produzione del vino. I suoi nemici sono i nematodi e la filossera, due parassiti molto dannosi. Quest’ultima nel 1870  arriva in Italia, distruggendo così il 98% della vite europea.
Il maitre ci ha inoltre illustrato la differenza tra vitigni alloctoni che producono Merlot, Pinot noir, Chardonnay, Cabernet sauvign, ecc... e i vitigni autoctoni che producono Nebbiolo, Sagrantino, Gaglioppo. 
Attualmente l’Europa è il continente più ricco di vite con il 74%, segue poi l’America con il 17% ed infine l’Africa con 3,5% e l’Asia con il 2,4%.
Quando si parla di vino è importante parlare di muffe lieviti e batteri. I lieviti sono microorganismi unicellulari responsabili della fermentazione alcolica, le muffe sono dannose e dovute ad una cattiva conservazione della botte e i batteri lattici sono essenziali per lo svolgimento della fermentazione manolattica. Infine il maitre Adriano Bernardo ci ha anche spiegato la spumantizzazione.
Dopo la lezione teorica abbiamo cominciato la degustazione dei vini. Il primo è stato un vino bianco, Il Grechetto Colli Martani prodotto da uva Grechetto mentre il secondo è un vino rosso, Collezione Colli Martani Rosso, prodotto con uve Merlot, Sangiovese e altre uve autoctone umbre, entrambi provenienti dall' azienda Terre de la Custodi e con marchio DOC.
Per l'analisi sensoriali sono necessarie seguire la soggettività, la sequenza corretta e i metodi con i corrispettivi accorgimenti.
Il maitre ci ha guidato tramite delle schede per utilizzare la terminologia tecnica adatta.

Quest’esperienza è stata davvero interessante e coinvolgente e per questo ringraziamo di cuore il professor Caruso per averci permesso di partecipare.

La classe 4i


Nessun commento:

Posta un commento